A Porte Aperte, il contest

Un’avvincente contest a suon di forchette: a sfidarsi saranno professionisti della ristorazione e giovani talenti.

I fase

Invitati da Cancelloni Food Service, i ristoratori che intendono prendere parte alla sfida devono inviare per e-mail la ricetta – completa di dosi per porzione e procedimento – di un primo piatto, così come il vino da abbinarvi, scelto nella carta dei vini fornita nell’invito. Completano l’iscrizione la foto del piatto e quella del cuoco stesso, così come il logo e il nome del ristorante. Questa fase si conclude il 26 gennaio 2020.

II fase

Tutti i piatti partecipanti sono pubblicati su www.contest.aporteaperte.it e possono essere così condivisi e apprezzati sui social network. Al termine di questa fase, i finalisti, in numero di 8, sono resi pubblici tramite i canali social, il web e le newsletter. Questa fase si conclude il 07 febbraio 2020.

III fase

Il 19 febbraio 2020 viene proclamato il vincitore del primo contest A Porte Aperte. Gli 8 finalisti si affrontano sotto gli occhi attenti della giuria, assemblando il piatto pre-cucinato. I giudici lo valutano per creatività, estetica, abilità tecnica e abbinamento enologico.

 

La giuria

Maurizio e Sandro Serva – Ristorante La Trota, Rivodutri

Autodidatti ma con grande passione e fame di sapere, realizzano una cucina di ricerca e altamente personalizzata, che non segue le mode del momento ed è basata sui prodotti del territorio. Le loro creazioni sono considerate le migliori espressioni del pesce d’acqua dolce, tanto da aver fatto conquistare loro 2 stelle e 4 forchette assegnate dalla Guida Michelin, 3 forchette del Gambero Rosso e 4 cappelli della Guida Ristoranti d’Italia de L’Espresso. Nel 2019 sono stati annoverati nell’Olimpo della Ristorazione dalla Guida Touring. Rivestono il ruolo di Ambasciatori della Cucina Italiana nel Mondo, rappresentando il Paese in numerosi eventi internazionali.

 

Paolo Belardi – Presidente del corso di laurea in Design dell’Università di Perugia

Allievo di Vittorio De Feo, è professore ordinario nell’Università di Perugia, dove insegna Architettura e composizione I e dove è presidente del corso di laurea in Design. Ha insegnato anche nelle Facoltà di Architettura dell’Università La Sapienza di Roma e della Seconda Università di Napoli. Dal 2013 al 2018 è stato direttore dell’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia. Ha ricevuto riconoscimenti prestigiosi tra cui il Premio Internazionale di Architettura Andrea Palladio (1988 e 1989), il Premio Internazionale di Architettura Luigi Cosenza (1992 e 1998), il Premio Internazionale alla Committenza Dedalo Minosse (1999 e 2001), il TECU Architecture Award (2010) e il San Marco Award (2013). È autore di numerose monografie scientifiche.

Sandro Camilli – Presidente AIS Umbria – Associazione Italiana Sommelier

Grande appassionato di enogastronomia, si avvicina al vino in maniera professionale a metà degli anni Novanta. È prima sommelier AIS e poi degustatore ufficiale; dal 2006 al 2010 ha ricoperto l’incarico di delegato di Terni. Da ottobre 2010 ricopre il ruolo di presidente AIS Umbria e di consigliere nazionale e dal 2018 fa parte della Giunta Esecutiva Nazionale. È il responsabile eventi per l’Associazione Italiana Sommelier.